Svolta nelle indagini dell’omicidio Laiso. L’ordine fu di Nicola Schiavone: teneva per se il ricavato delle estorsioni

Nel pomeriggio del 20 aprile 2010, in Villa di Briano, Crescenzo Laiso, militante della fazione Schiavone del Clan dei Casalesi, venne ucciso con 13 colpi di arma da fuoco da un commando a bordo di una motocicletta. L’esecutore materiale del delitto fu Francesco Barbato (collaboratore di giustizia), mentre Mirko Ponticelli era alla guida della motocicletta, … Leggi tutto Svolta nelle indagini dell’omicidio Laiso. L’ordine fu di Nicola Schiavone: teneva per se il ricavato delle estorsioni