www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Scuole e Covid, Di Costanzo (SpC): “Ordinanza in malafede. Marino chiarisca su tamponi e valutazioni”

L’ordinanza sindacale n.69 del 23 novembre scorso è soltanto la ciliegina sulla torta di una gestione grottesca delle scuole in questo periodo di emergenza pandemica. La Regione Campania si segnala, e non certo in positivo, come la regione dove le scuole sono state chiuse per più tempo e per tutti gli ordini e gradi, contro ogni evidenza statistica.

Tutto questo – dichiara la candidata sindaco di Speranza per Caserta, Rosi Di Costanzo – è niente in confronto alla sconcertante azione del sindaco Marino che, forse malamente consigliato, ha partorito un’ordinanza che ha aumentato il caos e le incertezze.

Il dispositivo prevede, infatti, la sospensione, per tutte le scuole pubbliche e private del territorio cittadino, delle attività in presenza fino al 6 dicembre ma consente alle scuole di derogare a patto di fornire al Comune gli esiti dello screening organizzato dalla Regione a metà novembre. Esiti che saranno “valutati” dal Comune per disporre la riapertura, senza specificare né criteri in base al quale avviene questa “valutazione”, né chi è che la effettua.

Senza contare – continua Di Costanzo – che la ripresa delle attività è comunque condizionata ad un doppio tampone settimanale per alunni e personale (docente e non docente) i cui risultati sono da spedire al Comune per le valutazioni. E anche qui la confusione regna sovrana.

Secondo il sindaco Marino i bambini dell’asilo e della prima elementare dovrebbero “tamponarsi” due volte alla settimana per frequentare le scuole. Praticamente, lo stesso protocollo previsto per i calciatori di Serie A. In questi giorni molte scuole private, che si sono organizzati o con l’Asl o con laboratori privati, hanno richiesto di aprire le porte ai piccoli. La prima autorizzazione prevede uno screening ‘quindicinale’ per alunni e personale. Stabilito che la lingua italiana è poco soggetta ad interpretazioni, bisettimanale e quindicinale hanno due significati opposti. Cosa significa questa scelta? Le scuole private possono fare 1 controllo una volta ogni 15 giorni mentre le scuole pubbliche devono farli 4 volte in 15 giorni?

Insomma – conclude la candidata di Speranza per Caserta – siamo di fronte all’ennesimo capolavoro della giunta Marino, che come sempre agisce in senso opposto ai criteri di trasparenza, equità e vicinanza ai bisogni del cittadino.

Pubblicità

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie