www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Pastorano. Multicedi licenzia i rappresentanti sindacali di USB

Dopo il mancato riconoscimento della struttura sindacale, gli avvertimenti a mezzo stampa e la sospensione dei sindacalisti, Multicedi getta definitivamente la maschera e licenzia i rappresentanti sindacali di USB mediante un provvedimento che, guarda caso, arriva all’indomani degli scioperi dei lavoratori.

Con argomentazioni pretestuose, che si basano su un presunto danno di immagine subìto a causa di alcuni commenti su Facebook, l’azienda leader nel settore della distribuzione organizzata con sede a Pastorano prima sospende e poi licenzia i sindacalisti protagonisti delle proteste contro le ipotesi di esternalizzazione del personale all’orizzonte.

Si tratta di un provvedimento fortemente punitivo, che assume tutti i connotati della condotta anti-sindacale e con il quale si vanno a colpire i diritti e la democrazia sul luogo di lavoro, in triste continuità con quanto finora avvenuto.

Come organizzazione sindacale resteremo al financo delle nostre RSA, dei nostri iscritti e di tutti i lavoratori di Multicedi e delle cooperative collegate nella battaglia per la rivendicazione di più dignitose condizioni di lavoro. Con maggior vigore difenderemo in tutte le sedi i licenziati, sicuri che le accuse mosse, alla fine, crolleranno come un castello di carta.

Questo, quanto contenuto nel comunicato stampa USB.