www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Parcheggio piazza Suppa, Castello (FdI): “Ricordiamoci di questi nomi alle elezioni del prossimo autunno”

Il candidato alle prossime amministrative: "Almeno adesso sappiamo nome e cognome di chi ha votato a favore di un inutile parcheggio sperperando danaro pubblico".

Il 16 aprile scorso, il gruppo consiliare Speranza per Caserta, a firma dei consiglieri Naim e Apperti, presenta mozione avente ad oggetto “Revoca del progetto di parcheggio interrato in piazza Suppa, nella frazione di Tuoro” il cui link al documento in PDF trovate a fine articolo. La mozione viene discussa e respinta nella seduta consiliare del 30 giugno 2021 (18 presenti e 15 assenti), con 14 voti contrari (Marino, De Florio, Comunale, Boccagna, Donisi, Battarra, Tenga, Russo, Guida, Peluso, Gentile, Del Rosso, Iannucci e De Lucia) e solo 4 favorevoli (Apperti, Naim, Desiderio e Fabrocile).

Non sono bastate le rivolte e la petizione dei residenti e di varie associazioni, il parcheggio di piazza Suppa in Tuoro di Caserta, inserito nel programma di riqualificazione delle frazioni Periferie al Centro del Comune di Caserta, si farà.

A tal proposito riceviamo e pubblichiamo la nota di Gianmichele Castello, di Fratelli d’Italia Caserta, e tuorese dalla nascita, che invita i cittadini a ricordarsi di chi ha votato contro la revoca del progetto, alle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio Comunale di ottobre, togliendo un luogo di incontro per tanti tuoresi “per un parcheggio inutile“.

“Questa votazione era la possibilità che tanto attendevamo di bloccare i lavori – tuona Castello – ma adesso almeno sappiamo nome e cognome di chi poteva farlo ma, invece, ha preferito voltare le spalle ai casertani, e con il proprio voto in Consiglio Comunale ha permesso l’ennesimo spreco di denaro pubblico, ben 2 milioni e 700 mila euro, denaro che poteva e doveva essere investito in altro.

Ricordiamoci, infatti, che con la costruzione dell’inutile parcheggio in Piazza Suppa, l’unico ritrovo sociale della zona verrà meno, e il verde e gli alberi che la popolano verranno rasi al suolo: al loro posto, l’ennesima colata di cemento, alla faccia della transizione verde. Ricordiamoci di questi nomi alle elezioni comunali del prossimo autunno, altrimenti condanniamo Caserta ad essere quello che sta diventando sotto il governo di questi signori.” (Deliberazione di Consiglio comunale n° 50 del 30 giugno 2021 – COMUNE DI CASERTA )

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie