www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Nicola Ferraro (Tre Farine e Luisi Bar) neo presidente federazione provinciale Fiepet in seno a Confesercenti

Nicola Ferraro, giovane imprenditore nel settore della ristorazione e bar con attività a Caserta, Aversa e Marcianise il nuovo presidente provinciale della Fiepet (Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici) aderente a Confesercenti del capoluogo.

La candidatura di Ferraro, già consigliere da due anni nella compagine provinciale, è stata proposta dal presidente di Confesercenti, Salvatore Petrella. Una scelta ricaduta sul giovane imprenditore, in quanto, gestendo alcune attività tra Caserta e Aversa (con i locali «Tre Farine») oltre che a Marcianise (con il «Luisi Bar» presso La Reggia Outlet), può sicuramente rappresentare più voci e fare da «trait d’union» con i colleghi della categoria ristoranti-bar di tutta la provincia, proprio in un momento così delicato legato alla crisi provocata dal Covid-19.

La mission dei prossimi quattro anni spiega Ferraro – “sarà quella di creare una vera rete e far sinergia tra gli associati della categoria ristoranti e bar che molto spesso si perdono in una mentalità concorrenziale, anche sleale, che di certo non aiuta l’intero comparto e perciò cercherò di creare momenti conviviali, appuntamenti e salotti che possano permettere confronti e crescita professionale“.

Tra i primi impegni annunciati da Ferraro, quello di presentare un istanza a livello nazionale per sensibilizzare chi di dovere sul particolare disagio che vivono gli esercenti dei piccoli comuni, soprattutto dell’alto Casertano, con bassa densità abitativa che, nonostante siano in zona gialla e quindi con chiusura limitata alle 18, non generano corrispettivi e quindi costretti a rimanere chiusi.

Chiederemo di estendere l’orario di apertura – continua il neo presidente – soluzione che gioverebbe tutte le attività di periferia ed anche le medie strutture che, pur lavorando a pranzo, non riescono a colmare i costi di gestione. Consentire almeno la somministrazione ai tavoli in zona gialla almeno fino alle 22: potrebbe essere la giusta soluzione in modo da arginare le perdite in piena sicurezza ed evitando comunque gli assembramenti della Movida“.

Tra gli altri obiettivi di Ferraro, “le convezioni con le banche per abbattere le commissioni sul Pos che potrebbe lievitare con Cashback già in vigore, nonostante il bonus Pos 2021 (strumento che copre attraverso un credito d’imposta il 30% delle commissioni addebitate all’esercente) che però esclude le imprese che superano i 400mila euro di fatturato costrette a cedere parte della marginalità, già drasticamente ridotta per via della pressione fiscale“.

Ferraro si è detto lusingato per la carica affidatagli all’unanimità dai colleghi ed ha ringraziato il presidente Petrella, il direttore Gennaro Ricciardi e in particolare Ivan Fiorillo anch’egli neoeletto presidente cittadino, oltre che Giuseppe Delli Paoli, Michele Della Rocca, Beniamino Fusco, il «maestro» Franco Pepe, Michael Setaro ed altri operatori.

A quanto pare – conclude il neo presidente Nicola Ferraro – credo ci sia un gran da fare in quello che era considerato l’unico mercato capace di non risentire della grave crisi finanziaria degli anni 2007/2008 e che, invece, è il più colpito dalla crisi dovuta alla pandemia».

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie