www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Mondragone. In manette i quattro fratelli Milo, spacciavano crack e cocaina

Questa mattina il Reparto Territoriale dei Carabinieri di Mondragone, ha dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, nei confronti di 4 persone del posto ritenute responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e crack. A finire in manette sono stati Ciro Milo 29 anni, Rosario Milo 34 anni, Giuseppe Milo 43 anni e Gaetano Milo di ani 42, tutti e quattro fratelli e residenti nel comune di Mondragone.

Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Santa Maria CV, sono state delegate e svolte dal Reparto Territoriale dei Carabinieri di Mondragone, nel periodo tra il settembre 2017 fino al luglio 2018, nonché dal successivo dicembre 2018 fino a febbraio 2019. Attraverso una prolungata e proficua attività d’intercettazione, telefonica ed ambientale, seguita da servizi di osservazione e controllo espletati anche tramite l’ausilio di impianti di videoregistrazione installati innanzi all’abitazione dei fratelli Milo – nonché nei principali punti ove gli stessi erano soliti incontrare gli acquirenti per le cessioni di sostanza stupefacente – è stato possibile accertare la sistematica attività di spaccio svolta dai quattro fratelli, il tutto decriptando il linguaggio utilizzato per le negoziazioni con gli acquirenti, accordi intercorsi anche utilizzando un unico apparecchio telefonico dedicato alla gestione dell’attività di spaccio, utilizzato in modo promiscuo dagli indagati. È stato così possibile ricostruire decine di cessioni di sostanza stupefacente effettuate dai fratelli Milo.

Contestualmente all’applicazione delle misure cautelari, è stato anche eseguito il sequestro preventivo del profitto – diretto e per equivalente – tratto dalle cessioni di stupefacente, denaro rinvenuto, nella disponibilità dei fratelli Milo, all’interno della loro abitazione, per una somma individuata pari ad euro 7.000. È stato inoltre disposto ed eseguito il sequestro preventivo di tre autovetture abitualmente utilizzate dagli indagati per recapitare lo stupefacente ai loro stabili clienti.

Pubblicità

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie