www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Marcianise. Emesse le sentenze contro gli esponenti del clan Piccolo-Letizia detti anche Quaqquaroni

Nella mattinata odierna è stata emessa dal GUP del tribunale di Napoli, dr. Cananzi, la sentenza contro gli esponenti del clan Piccolo-Letizia, detti anche Quaqquaroni, clan che si contrappose al clan Belforte, detti Mazzacane, nella trentennale faida di camorra per il controllo delle attività illecite del comprensorio di Marcianise e zone contigue.

L’inchiesta partita nel mese di aprile 2019 con il conseguente arresto di 30 persone, aveva permesso di appurare la pericolosità dei Quaqquaroni, in netto contrasto con i rivali dei Belforte, detti anche Mazzacane. Soprattutto dopo la cattura di diversi esponenti di quest’ultimo clan che ne aveva messo alla luce l’indebolimento e la compromissione della egemonia sul territorio marcianisano e zone contigue. Inoltre, le attività investigative hanno permesso di appurare, negli anni successivi al 2005, tensioni interne al clan Piccolo e soprattutto tra le fazioni Piccolo e Letizia proprio in relazione al potenziale ricollocamento dei Quaqquaroni a leader assoluti.

Il 25 ottobre 2019 si tenne l’udienza preliminare a carico degli indagati, e 26 di essi scelsero di essere sottoposti al rito abbreviato innanzi al Tribunale di Napoli. Oggi su 26 posizioni, il giudice Cananzi ha emesso 21 condanne e 5 assoluzioni. I 21 condannati sono: Fabio Buanno 7 anni e 4 mesi; Luigi Caterino 8 anni e 7 mesi; Antonio Celeste 5 anni e 6 mesi; Maria Cristiano 6 anni e 8 mesi; De Lise Pietro 9 anni e 4 mesi; Andrea Letizia, 20 anni; Antonio Letizia 26 anni; Giuseppe Letizia 8 anni; Primo Letizia 8 anni; Michele Maietta 10 anni; Achille Piccolo 20 anni; Angelo Piccolo 6 anni e 8 mesi; Palma Piccolo Bellopede 6 anni e 8 mesi; Domenico Piccolo 10 anni; Francesco Piccolo 13 anni e 4 mesi; Pasquale Piccolo 20 anni; Mario Russo 6 anni e 7 mesi; Vincenzo Timbone 9 anni e 6 mesi; Antonio Nacca 13 anni e 4 mesi; Luigi Noia 10 anni e 8 mesi; Giovanni Perreca 20 anni e Giuseppe Pettrone 3 anni e 6 mesi. Assolti tra gli altri invece Alessandro Menditti e Felice Napolitano.

Nel collegio difensivo figurano gli avvocati Angelo Raucci, Dezio Ferraro, Gaetano Laiso, Andrea Piccolo, Renato Jappelli e Umberto Elia.

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie