www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Litorale Domizio, turismo in crisi da Coronavirus

Il focolaio del Coronavirus, scoperto per caso a Mondragone fra gli irregolari, che occupano da anni l’ex palazzo della Cirio, preoccupa non poco la popolazione del più popoloso comune turistico del casertano. I casi di emersione da coronavirus nella locale comunità bulgara creano problemi anche fra gli operatori balneari del litorale domiziano, che speravano – proprio nella stagione balneare – di poter recuperare i danni subiti. La Segreteria della Cisas, nel prendere atto della gravissima situazione, che – in realtà –riguarda anche tutto il casertano oltre il litorale domiziano, ritiene che l’impegno dell’Asl e delle Autorità competenti nel contenere l’epidemia debba essere al massimo consentito.

Lo stesso Vescovo ed i Parroci della zona dovrebbero – secondo la Cisas – rivolgere i loro appelli non solo ai residenti italiani, ma anche alle migliaia di braccianti irregolari, che lavorano quasi sempre al nero, affinchè evitino di uscire dalla cosiddetta zona rossa e si sottopongano ai dovuti controlli sanitari, anche per evitare il dilagarsi del coronavirus in tutto il territorio regionale, come avvenuto in Lombardia.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie