www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

La formazione targata ANDIS Campania per dirigenti e docenti

Grande successo ha registrato l’iniziativa di formazione Il nuovo Pei, indicazioni operative organizzato dal Presidente Regionale dell’ANDIS (Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici) Pasquale La Femmina, coordinato dalla responsabile regionale per la formazione, Antonella Serpico.

Hanno seguito il webinar 212 dirigenti scolastici, tutti presenti nell’aula virtuale, organizzata dalla vice presidente nazionale dell’ANDIS, Paola Bartoletto. L’evento ha visto coinvolte le relatrici: la DS La Pietra Claudia, vicepresidente regionale, la DS Rosa Stornaiuolo, presidente provinciale, Andis Napoli. Gli interventi ed il dibattito che ha fatto seguito sono stati abilmente moderati dalla DS Emilia Di Blasi, componente del direttivo regionale.

La relatrice DS Claudia la Pietra, dopo un sintetico excursus sugli scenari pedagogici che hanno consentito alla scuola italiana di approdare all’inclusione, ha posto l’accento sulle azioni del DS, previste dalle modifiche introdotte dal DL 96 /19 e Dal 182/20. Ha illustrato le configurazioni dei vari GlO, e richiamato l’attenzione sulle azioni del DS al suo interno, fondamentali per la strutturazione progressiva della decisionalità, che egli dovrà costruire, mediante una “mescolanza di leadership”, un empowerment reciproco e un management da esprimere con costante efficacia.

Tutto ciò nella convinzione che il PEI, in prospettiva ICF, rappresenta una Vision antropologica da condividere con questi “Micromondi” (famiglia, scuola, esperti interni, esterni ,studente ASL), che devono dialogare, (una costellazione), per realizzare un’esaltante esperienza inclusiva in cui il nuovo PEI diventi il migliore e concreto strumento per realizzare il fine che rimane l’inclusione.

La relatrice DS Rosa Stornaiuolo ha analizzato le 12 sezioni del nuovo modello di PEI, fornendo indicazioni puntuali su ogni sezione, richiamando continuamente l’attenzione di tutti gli operatori della scuola a considerare il funzionamento del bambino, della bambina, dell’alunno, dell’alunna, dello studente, della studentessa, relativamente alle 4 dimensioni del nuovo modello di PEI in prospettiva bio psico sociale. Sempre più convinta la relatrice che la componente osservativa debba ispirare la progettazione educativo-didattica di cui il PEI è la massima espressione. Ha concluso la sua relazione con l’auspicio, molto caro al presidente nazionale, Paolino Marotta, che “La scuola possa liberare l’alunno dal docente di sostegno“.

Nelle conclusioni, il presidente nazionale ha ricordato che da sempre i docenti di classe hanno svolto un ruolo fondamentale per la crescita di questi alunni più “fragili” che devono essere amati e aiutati nella maniera più idonea possibile.

Grande soddisfazione per la responsabile Antonella Serpico che ha precisato “Questo è l’ultimo di una triade di eventi – seminario strutturati per accompagnare i soci Andis in questo anno scolastico. Tre incontri dove poter sviscerare i dubbi su argomenti attuali con la consueta atmosfera che solo la grande famiglia Andis sa creare. Le prossime iniziative sono già in cantiere e promettono formule sempre più interessanti ed accattivanti”.

Pubblicità

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie