www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Juvecaserta, cosa sta succedendo? La società in mano ad uno sconosciuto, Maggiò e Giannoni lasciano

Apprendiamo dai media che ieri la Juvecaserta è passata dalle mani di Nevola a quelle dello sconosciuto imprenditore Nicola D’Andrea.

D’Andrea, “presidente dello Spartak San Nicola, società militante nel campionato di serie C campana di calcio a 5, ex ciclista professionista, è imprenditore nel settore abbigliamento e pubblicitario” – così rileviamo dai mezzi d’informazione.

Ahimè peccheremo di ignoranza ma noi questo signore non lo conosciamo, eppure da più di mezzo secolo bazzichiamo per Caserta città e provincia. Altresì, e da rumors raccolti, parrebbe anche soggetto parecchio chiacchierato. Ma si sa, i rumors sono rumors.

Queste le parole del neo patron della grande e gloriosa Juvecaserta rilasciate ai media: “L’altro ieri abbiamo formalizzato l’accordo – ha detto D’Andrea – rileverò il 100% della quote da Nevola con l’obiettivo di rilanciare la Juvecaserta.” – con i debiti e compreso il BAT?, ci chiediamo noi – “L’accordo prevede anche la gestione del Palamaggiò” – che attualmente è nelle “mani” di Iavazzi nndpr (nota non di poco rilievo) – “dove vorremo trasferire anche le squadre di calcio a 5 maschile e femminile che gestisco” – bel progetto, non male, poi concludendo con – “Nei prossimi giorni provvederemo a presentare un’offerta alla Curatela fallimentare per l’acquisto del palazzetto” – ne prendiamo atto, ma con quali soldi, chi compone la cordata fuori i nomi, quant’è il patrimonio? Domande lecite che in queste ore sui social la stragrande maggioranza dei sostenitori bianconeri si pone.

Nessuno dei vecchi collaboratori sarà confermato. Il mio obiettivo è dare un volto nuovo alla Juvecaserta.” – un vero repulisti. “Ho già contattato alcuni sponsor che hanno mostrato entusiasmo verso la Juvecaserta, ma non escludo una campagna di crowfounding per avviare un azionariato popolare. Il mio è un progetto molto ambizioso per lo sport a Caserta – conclude – saremo la prima società in Italia ad avere basket e calcio a 5”.

Gianfranco Maggiò lascia la presidenza onoraria

Questo il comunicato stampa ricevuto: “Con la presente mi pregio informare di aver ufficializzato allo Sporting Club Juvecaserta la mia rinuncia alla carica di presidente onorario della stessa.
Cordiali saluti. Gianfranco Maggiò”

Carlo Giannoni saluta i colleghi giornalisti

Caro Collega,
nel momento in cui interrompo il mio rapporto professionale con la Juvecaserta, sento il dovere di esprimerti un sincero “grazie” per la collaborazione che hai voluto fornirmi in questi lunghi anni in cui si è estrinsecato il nostro reciproco impegno, che certamente ha contribuito, grazie soprattutto al tuo lavoro, alla promozione del basket casertano ai più alti livelli.

Il rapporto con ciascuno di Voi ha sempre costituito occasione per riflettere sul modo di interpretare un ruolo che si è via via adattato alle mutate esigenze di comunicazione; anni in cui ho avuto il privilegio di rappresentare a voi tutti il mondo della Juvecaserta e di tutto quello che ha ruotato intorno ai colori bianconeri, oltre alla gioia di vivere direttamente esperienze indimenticabili come le finali scudetto e quelle europee.

Nel formularvi i più sinceri auguri per il vostro prezioso lavoro e nella certezza di continuare ad  incontrarci intorno ad un campo da basket, colgo l’occasione per salutarvi cordialmente. Carlo Giannoni.

Alla prossima puntata, sperando si parli di basket giocato e non dei soliti argomenti che da anni, e puntualmente, aggiungendo purtroppo da quando la famiglia Maggiò non è più proprietaria della Juvecaserta, perseguitano le migliaia di sostenitori della gloriosa Juvecaserta.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie