www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

IL VIDEO Incendio alla CIDA Srl, nube nera invade San Marco, Marcianise e Caserta

In fiamme fabbrica di torrefazione caffè per conto terzi.

Intorno alle 19 di ieri, lunedì 26 luglio, si è sviluppato un incendio di grandi dimensioni negli stabilimenti della C.i.d.a. S.r.l., fabbrica di torrefazione e lavorazione del caffè (macinato, cialde e capsule) per conto terzi, all’interno della zona industriale di San Marco Evangelista, in Viale delle Industrie.

Sul posto sono subito accorsi i Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Caserta, ma per la vastità dell’incendio si è reso necessario l’intervento di diverse squadre dei Vigili del Fuoco provenienti dal distaccamento di Marcianise, da quello di Aversa e una dal distaccamento di Piedimonte Matese. A supporto nelle operazioni di spegnimento sono state utilizzate un’autobotte proveniente dalla sede centrale del Comando e una proveniente dal distaccamento di Aversa.

Sul posto sono intervenuti anche il Comandante dei Vigili del Fuoco di Caserta Rosa D’Eliseo, il Funzionario di servizio ed il Capo Reparto della sezione operativa per dirigere le operazioni. È stato necessario fare intervenire anche un’autobotte dal Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Avellino e una botte carrellata da 24mila litri di acqua proveniente dal comando provinciale dei Vigili Fuoco di Napoli.

Presente anche il nucleo di Polizia giudiziaria dei Vigili del Fuoco per le indagini sulle cause dell’incendio, che avrebbe rilevato anomalie al sistema antincendio e un serbatoio GPL di circa 10mila litri sprovvisto dei requisiti di sicurezza sul distanziamento. La struttura del capannone in ferro cemento è risultata compromessa.

Tanta la paura e la curiosità dei passanti in quanto l’incendio ha sviluppato un enorme fungo nero, l’aria era irrespirabile, e la nube si è diretta anche verso l’abitato del capoluogo, di San Marco Ev. e Marcianise. Si è reso necessario anche l’intervento dell’Esercito Italiano impiegato nelle operazioni Strade Sicure per chiudere i punti di accesso alla zona per allontanare i curiosi e consentire il regolare svolgimento delle operazioni a VVF e Carabinieri.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie