www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Il simbolo della città nel degrado. Il castello di Maddaloni ritorni ai maddalonesi

Riceviamo e pubblichiamo dal Comitato Il Castello di Maddaloni ai Maddalonesi

Apprendiamo, da una autorevole testata giornalistica, che si è evidenziato con forza l’apparente disamore dei maddalonesi nei confronti delle sorti del Castello di Maddaloni. Una notizia che fa male e della quale vorremmo provare a correggere il tiro.

Non si tratta di disamore ma di disillusione, disillusione rispetto ai tanti proclami di chi ha un obbligo fondamentale: salvaguardare la pubblica incolumità. Chi ha obblighi come proprietà non può sottrarsi dalle proprie responsabilità e se non ha capacità di attingere fondi o disponibilità di fondi necessari per realizzarne la valorizzazione ha l’obbligo di consegnare ai maddalonesi il Castello e/o avviare procedure in sinergia con le istituzioni pubbliche per attivare percorsi virtuosi che realizzino la sua valorizzazione.

Diamo ai maddalonesi segnali certi, chiari e forti, non c’è più tempo per nascondersi dietro storici ed abusati paraventi; questo è l’unico modo per far venir meno la disillusione dei maddalonesi e riattivare iniziative pubbliche tese alla valorizzazione di questo immenso patrimonio architettonico che non può più rimanere di proprietà del privato che sia De Sivo Alfredo, le Sorelle De Sivo o l’avvocato D’Alessio.

Chi di essi è il proprietario provveda a mettere in sicurezza il bene e se è deceduto e vi sono legittimi eredi, prima l’onere della messa in sicurezza e poi l’onore di un gesto di amore nei confronti di questa città…consegnare ai maddalonesi la propria storia!

Il Comitato Il Castello di Maddaloni ai Maddalonesi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie