www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

FDI Caserta. Fondazione Real sito Belvedere San Leucio, carrozzone politico che graverà sulle tasche dei casertani

“Abbiamo letto note stampa trionfalistiche di rappresentanti della maggioranza di centrosinistra e del sindaco di Caserta sulla delibera che ha approvato la costituzione della fondazione Real Sito del Belvedere di San Leucio.

Sinceramente non comprendiamo tale enfasi considerato che si è dato vita ad un inutile carrozzone che graverà sulle tasche dei cittadini casertani e che servirà esclusivamente per accontentare qualche “amico” della maggioranza, oggi scontento.

Infatti, leggendo lo statuto approvato, emerge che il consiglio di amministrazione – unico organo che effettivamente ha un ruolo gestionale e concreto, visto che l’assemblea dei partecipanti avrà solo un ruolo consultivo e propositivo – sarà composto esclusivamente da persone nominate dal sindaco e dalla sua giunta.

Prima di tutto sarebbe opportuno che il sindaco e gli assessori spiegassero ai cittadini casertani come è possibile che la giunta si sia riunita il 24 marzo u.s., quindi nel pieno lockdown, per approvare frettolosamente lo statuto della erigenda fondazione? Quali esigenze di celerità ed urgenza sussistevano per non aspettare la ripresa della quotidianità? Perché dare vita ad una fondazione, il cui patrimonio sarà costituito, principalmente, dai fondi versati dal comune di Caserta e di cui, ad oggi, non è dato sapere neppure l’ammontare?

È di tutta evidenza, infatti, che cosi com’è strutturata la fondazione, difficilmente si potrà ipotizzare una partecipazione, in termini economici, di altri enti o organizzazioni se questi, poi, avranno solo un ruolo marginale nelle scelte programmatiche.

Con questa decisione, tuttavia, la maggioranza di centro sinistra ha acclarato il proprio fallimento sulla gestione del Real sito di San Leucio, un monumento patrimonio dell’UNESCO, utilizzato fino ad ora solo per sporadici eventi musicali e manifestazioni simil-sagra.

Ancora una volta l’amministrazione Marino ha dimostrato di essere distante dalla realtà cittadina; infatti, se proprio era necessario creare nuove passività alle casse comunali, non sarebbe stato meglio incidere in termini di minori entrate e magari, anche al fine di incentivare le attività produttive e commerciali a non mollare, sospendere la tari ed esonerare i locali commerciali dalla tassa per l’utilizzo del suolo pubblico per tutto l’anno 2020? Oppure provvedere alla sistemazione dei parchetti pubblici cosa da renderli più fruibili per le famiglie casertane, specialmente per i bambini affinché possano giocare in piena sicurezza?

Per questi motivi Fratelli d’Italia boccia in toto tale decisione perché la fondazione, così come pensata dalla giunta Marino, sarà improduttiva, inutile e inadeguata al rilancio del complesso monumentale e dell’intero territorio ad esso collegato”. Questo è quanto dichiara Claudio Ursomando, responsabile dell’organizzazione di Fratelli d’Italia provinciale Caserta

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie