www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Decreto Scuola, “Biologi ancora una volta dimenticati”. D’Anna ritira la rappresentanza dal tavolo ministeriale

Il Governo abbuona la formazione professionale obbligatoria per l’anno in corso a medici, infermieri e farmacisti, ma dimentica ancora una volta i biologi”. Lo denuncia, in una nota, il presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi, Vincenzo D’Anna.

Già esclusi – spiega D’Anna – dai benefici economici previsti dal Decreto legge Cura Italia e dagli stanziamenti delle borse per le scuole di specializzazione, siamo stati nuovamente dimenticati nel maxi-emendamento al Decreto Scuola con il quale si intendono già maturati, per l’anno in corso, i 50 crediti formativi obbligatori ECM (Educazione Continua in Medicina) per le professioni dei medici, degli infermieri e dei farmacisti”.

Considerato che nelle strutture sanitarie svolgono un ruolo decisivo anche gli iscritti all’Ordine dei Biologi, che hanno isolato il virus SARS-CoV-2 e che analizzano quotidianamente i tamponi per intercettare i soggetti infetti, D’Anna rivolge “un appello al presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, e al ministro della Salute, Roberto Speranza, affinché si ponga riparo a questa reiterata discriminazione“. “Fino a quando non saranno adottati provvedimenti volti a garantire la pari opportunità tra i professionisti della sanità, risulterà pleonastica  la mia partecipazione alla Consulta delle professioni sanitarie presso il Ministero della Salute” conclude D’Anna.

Pubblicità

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie