www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Coronavirus: sempre più preoccupanti le condizioni del Cardinale Bassetti

Il Presidente della Cei resta sotto stretta osservazione dei sanitari

Diventano sempre più preoccupanti le condizioni di salute del cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana ed Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve.

Il porporato ricoverato già lo scorso 3 novembre era stato ricoverato presso l’Ospedale Santa Maria della Misericordia, nel reparto di terapia intensiva.

“Mons. Bassetti – affermano i medici, nell’odierno bollettino – ha subito un aggravamento complessivo del quadro clinico. Sono in corso gli approfondimenti diagnostici e tutte le cure del caso».

Il Presidente della Cei dopo aver avuto qualche linea di febbre si era sottoposto agli accertamenti di rito ed era risultato positivo al Covid.

Aveva trascorso i giorni successivi in isolamento fiduciario nel suo appartamento all’interno del palazzo arcivescovile di Perugia.

Solo in seguito alla comparsa di sintomi più preoccupanti, si era necessario il suo trasferimento in ospedale.

«Accompagniamo con affetto e vicinanza il cardinale presidente – queste le parole di Mons. Stefano Russo, segretario generale della Cei –. Sollecitiamo le nostre Chiese alla preghiera in questo momento di prova. Siamo certi che il Signore non farà mancare misericordia e consolazione al cardinale e a quanti sono duramente provati dalla malattia. Ricordiamo anche i medici, gli operatori sanitari e quanti si prendono cura dei sofferenti. Chiediamo a tutti di condividere queste intenzioni nei propri momenti di preghiera quotidiana».

 

Il nuovo libro di Ferdinando Terlizzi

Il nuovo libro di Ferdinando Terlizzi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie