www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Continua l’affittopoli casertana. Nella Reggia ancora immobili utilizzati da ex dipendenti

La denuncia della CISAS.

Si parla tanto delle Affittopoli nelle grandi città, ma si scopre che anche Caserta ha una sua Affittopoli. A seguito di varie segnalazioni, pervenute in più occasioni, allo Sportello del Cittadino–Cisas, da parte di casertani onesti, che lamentavano l’utilizzo improprio di immobili di proprietà dell’Erario in Palazzo Reale, dello IACP e del Comune di Caserta, la Segreteria della Cisas ha cercato di monitorare lo stato patrimoniale degli Enti e le insolvenze dei locatari, favoriti negli anni scorsi da amministratori e funzionari distratti.

Secondo la Cisas sembra che, all’interno della Reggia di Caserta, vi sono ancora immobili utilizzati da ex dipendenti o da eredi di ex dipendenti, i quali – tra l’altro – non pagherebbero nemmeno la Tassa sui Rifiuti solidi urbani.

Per quanto attiene l’Istituto Case Popolari, vi sarebbero immobili ancora liberi oppure occupati abusivamente dietro pagamento di somme a quelli che gestiscono il mercato abusivo delle case ancora libere nei rioni popolari di Caserta.

Al Parco Primavera, in grossi immobili di lusso costruiti a Tuoro dall’Inpdap, vi sono ancora ex terremotati, loro eredi e parenti, i quali dal terremoto del 1980 occuperebbero ancora abusivamente i locali senza nulla pagare. Sono trascorsi 41 anni dall’evento sismico, ma per i suddetti appartamenti sembra non siano stati pagati nemmeno Fitto, Tarsu, Acqua ecc… Alcuni impropriamente pagherebbero somme del tutto irrisorie pur percependo retribuzioni di grosso rilievo.

La Segreteria della Cisas ritiene necessario un controllo da parte degli Enti interessati.

Pubblicità

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie