www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Conte e la Azzolina in passerella alla scuola elementare a San Felice contestati aspramente da insegnanti precari

La pioggia non ha frenato gli insegnanti precari che hanno duramente contestato Conte e la Azzolina in visita lampo ad una scuola elementare di San Felice a Cancello, dove hanno donato 30000 euro per i danni patiti da atti vandalici.

A tal proposito Alessandra Vigliotti responsabile regionale del dipartimento istruzione di Fratelli d’Italia si chiede come mai la Azzolina abbia il tempo di fare visite nelle scuole senza però avere il tempo da 6 mesi di ricevere nel suo ufficio gli insegnanti precari che ormai manifestano sotto il suo ministero una settimana si è l’altra pure. Mancano infatti migliaia di insegnanti in Italia, ma ancora bloccate sono le immissioni in ruolo. E peccato che la Ministra non abbia avuto nemmeno il tempo di visitare anche le migliaia di persone in fila sotto la pioggia a Monte Sant’Angelo assiepati in fila dalle prime ore del Mattino per aspirare ad un posto nel TFA per continuare ad essere dei precari nel mondo dell’insegnamento del sostegno.

Per Marco Cerreto, commissario provinciale di Fratelli d’Italia, la visita di Conte ricorda lo stile di alcuni governanti del Sud America, poiché nel quadro desolante che lo circonda e che riguarda le condizioni degli edifici scolastici in provincia di Caserta, il Premier viene a portare elemosine, in una realtà in cui i sistemi la totale assenza di politiche di sviluppo e con una sicumera agghiacciante dichiara allo stesso tempo di prorogare lo stato di emergenza fino al 2021. A questo punto mi chiedo se questi sono davvero gli stessi personaggi che criticarono Orban per aver assunto i pieni poteri.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie