www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Concorsi truccati nelle Forze Armate, finisce con 30 assoluzioni anche il processo abbreviato

Per la VI Sezione Penale del Tribunale di Napoli il presunto algoritmo non può formare oggetto del delitto di ricettazione. Nel rito ordinario assolti in precedenza altri 45 imputati.

Finisce con 30 assoluzioni – perché il fatto non sussiste reato – anche il troncone del procedimento definito col rito abbreviato a carico di una trentina di persone accusate di ricettazione nell’ambito dell’inchiesta Concorsopoli per i volontari in ferma prefissata di Esercito, Aeronautica e Marina Militare.

Secondo l’accusa, avrebbero “acquistato, con l’accordo di corrispondere ingenti somme di denaro non esattamente accertate, al fine di farne uso, la formula, ovvero il cosiddetto ‘algoritmo’, sufficiente a rispondere esattamente a tutti i quesiti somministrati ai candidati, diversi da matematica e logica, nonché il compendio, chiamata ‘pandetta’ necessario a rispondere correttamente a tutti i quiz di matematica e logica“. Formula e compendio di provenienza delittuosa, perché provento dei delitti di corruzione e rivelazione di segreto d’ufficio.

Un’accusa non condivisa dalla difesa ma anche dallo stesso Procuratore Generale che ha chiesto l’assoluzione. Infatti, la VI sezione penale del Tribunale di Napoli, giudice monocratico dott.ssa Giovanna Carla Pasquale, ha assolto i trenta imputati in quanto il presunto algoritmo non può formare oggetto del delitto di ricettazione trattandosi di mera informazione e quindi non suscettibile di possesso materiale e giuridico.

In merito alla presunta pandetta è stato evidenziato che non può dirsi di provenienza illecita, poiché frutto di un riassunto delle materie oggetto di prova e della banca dati, pubblicate come di consueto sui siti dei rispettivi ministeri prima dell’esperimento delle prove preselettive.

concorsi truccati nelle forze armate
Nella foto l’avvocato Mauro Foglia uno dei difensori.

Entro la fine luglio saranno depositate le motivazioni della sentenza che ha mandato assolti gli imputati tutti residenti tra le province di Caserta e Napoli. Assolti con rito ordinario in precedenza altri 45 imputati.

Nel collegio difensivo, fra gli altri, gli avvocati Giuseppina Caporaso, Mauro Foglia, Gaetano Argenziano, Giuseppe Cianniello, Nando Trasacco, Claudio Aronne, Carluccio, De Filippo, Anastasia Costanzo, Pietro D’Onofrio, Falci, Fulvio Fiorillo, Gerardo Forte, Di Pietro, Scafetta, Giuseppina Tafuro e Luigi Ziccardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie