www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

“Ci state piegando e calpestando tutti i nostri diritti”. La lettera di una mamma e moglie al sindaco Velardi

La profonda lettera di una moglie e mamma indirizzata al sindaco di Marcianise, Antonello Velardi, perchè si faccia latore verso il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sulle problematiche e il disagio che l’istituzione della Zona Rossa sta creando al piccolo commercio, quello che in moltissimi casi rappresenta l’unico sostentamento di una famiglia. È la signora Rossella D’Alesio di Recale, moglie di un parrucchiere con locale in Marcianise.

Caro Sindaco,

Sono una mamma e vivo a Recale ma mio marito ha un attività commerciale nel suo comune di Marcianise. È uno dei tanti parrucchieri che è stato costretto a chiudere e ad abbassare la saracinesca del negozio ancora una volta. Adesso, quando finalmente ci si riaccingeva a riaprire, ecco la mazzata finale con la proroga di altri tre giorni della zona rossa.

Sindaco ci state piegando e calpestando tutti i nostri diritti di lavoratori! Se non ci ucciderà il Covid, ci pensate voi a farlo e mi riferisco anche al governatore della Campania, De Luca. Io spero che oltre ad emanare ordinanze e restrizioni su restrizioni, siate pronti anche ad assumervi la responsabilità e il fardello di aver portato alla probabile chiusura di svariate attività commerciali del comune di Marcianise nonché allo sfacelo di tante famiglie di commercianti del suddetto comune.

A pagarne le spese delle decisioni sconsiderate e fallimentari, prese da un folle qual è De Luca, sono sempre e solo le persone per bene! Piccoli commercianti, onesti lavoratori che pagano le tasse come mio marito.

Perchè Marcianise chiude tutto, (per modo di dire, perchè sono aperti tutti: dal pescivendolo, al negozio di assistenza di telefonia perchè ritenuti negozi di generi di prima necessità!) e perchè il Centro Commerciale Campania e La Reggia Outlet che fanno centinaia di visitatori al dì, restano aperti? Perchè? Ce lo deve spiegare!

Perchè mio marito, piccolo parrucchiere di provincia che fa già i salti mortali per campare e arrivare a fine mese, è “sacrificabile” e il parrucchiere del Centro Commerciale Campania può continuare tranquillamente a lavorare? Non ce la facciamo più Sindaco! Ci state atterrando.

Noi abbiamo una bimba di appena sei mesi, nata in piena pandemia e a lavorare è solo mio marito. Chiedo a lei e al governatore De Luca, in che modo ci suggerite di andare avanti! Come dobbiamo vivere se non ci permettete di lavorare!

Come Sindaco avrebbe dovuto stare al fianco dei suoi concittadini, battersi per loro e con loro come hanno fatto e ancora fanno tanti sindaci dal nord al sud del paese. Invece lei ci ha abbandonati e ci ha messi a zittire.

Questa non è democrazia. Siamo nelle mani di un dispotico dittatore!

Rispettosamente, Rossella D’Alesio.

Il nuovo libro di Ferdinando Terlizzi

Il nuovo libro di Ferdinando Terlizzi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie