www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Caserta. Sostegno al commercio, ridotta del 50% la tassa sul suolo pubblico

Nessun pagamento dovuto per i mesi di chiusura

Approvata dalla Giunta Comunale di Caserta la Delibera n.43 “Emergenza Covid-19 – Provvedimenti di sostegno aventi carattere temporaneo ed eccezionale a favore delle attività produttive – Proposta al Consiglio comunale”.

Il provvedimento, valido fino al 31 dicembre 2020, prevede innanzitutto che i versamenti Cosap (Canone per l’Occupazione di Spazi ed Aree pubbliche) anche per le aree mercatali e ICP (Imposta Comunale sulla Pubblicità), già pagati per i periodi di chiusura, saranno recuperati in funzione dei successivi periodi di occupazione. Inoltre, le occupazioni di suolo pubblico per attività di somministrazione, commerciali e/o artigianali, ed aree mercatali, saranno pagate al 50%, della superficie occupata, che potrà essere anche ampliata, laddove possibile.

Altra importante novità è che le strutture e gli arredi mobili installati negli spazi antistanti gli esercizi, in deroga al regolamento, potranno anche superare la proiezione orizzontale delle pareti che lateralmente delimitano il locale e sarà possibile utilizzare anche aree a verde o spazi liberi adiacenti o in prossimità dell’attività. La delibera prevede anche che gli esercizi artigianali per la cura della persona, quali barbieri, parrucchieri, estetisti e similari potranno, laddove possibile, installare gratuitamente sedie e/o divanetti per la clientela in attesa.

E sempre a proposito di commercio, nel corso della stessa seduta di Giunta è stata approvata la delibera relativa alla Proposta al Consiglio comunale del Regolamento “Norme per la regolamentazione dell’occupazione suolo pubblico” che contiene diverse novità anche in vista di un periodo post emergenza.

Come avevo annunciato nei giorni scorsi – ha spiegato il sindaco del capoluogo di Terra di Lavoro, Carlo Marino – andiamo immediatamente in soccorso degli esercenti duramente colpiti dall’emergenza coronavirus e lo facciamo con atti concreti che consentiranno un risparmio in termini economici, ma anche la possibilità di ripartire con le proprie attività nel miglior modo possibile”.

Il nuovo regolamento – spiega l’assessore alle Attività Produttive Emiliano Casale – prevede nuove modalità per occupare gli spazi, in maniera più moderna ed efficiente ed arriva dopo uno studio analitico che ha coinvolto tutto il centro storico. Mettiamo ordine e aggiorniamo norme non più al passo con i tempi e con il necessario sviluppo commerciale del capoluogo. Abbiamo condiviso il piano e gli obiettivi – ha concluso Casale – anche con la Soprintendenza com’è giusto che sia per una città storica ed a vocazione turistica come la nostra”.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie