www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

CASERTA Rapina la profumeria Neos di Corso Trieste, pregiudicato 28enne incastrato dall’impianto di videosorveglianza

Prima della rapina simula di voler acquistare un profumo e si abbassa per pochi istanti la mascherina. Identificato dalla Polizia.

Nella serata di martedì scorso, 30 marzo, un individuo a volto coperto entra nella profumeria Neos di Corso Trieste in Caserta minacciando la commessa con un coltello all’addome, ed impossessandosi della somma di 500 euro per poi dileguarsi.

Ieri, mercoledì 31 marzo, agenti della Squadra Mobile di Caserta, con il contributo del Commissariato di PS di Acerra (Na), hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura di Santa Maria C.V. nei confronti di Morgillo Angelo, di 28 anni, pregiudicato, ritenuto responsabile di aver commesso, nel solo mese di marzo, tre rapine aggravate.

I poliziotti attraverso le immagini del sistema di videosorveglianza interno all’esercizio commerciale, riconoscevano l’autore del delitto per Morgillo Angelo, approfittando del momento in cui, nel corso del “sopralluogo” svolto prima di perpetrare il reato, l’uomo aveva simulato di voler acquistare un profumo abbassandosi per pochi istanti la mascherina.

Nei confronti di Morgillo la Mobile casertana aveva già avviato indagini ed è stato possibile attribuirgli la responsabilità di altre due rapine, commesse nel corso dello stesso mese di marzo, ai danni di ulteriori due esercizi commerciali della provincia di Caserta.

In quelle occasioni l’uomo aveva utilizzato il medesimo modus operandi ed era stato ripreso, dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona, in compagnia di una donna, E. L., e, per giunta, delle figlie minori di lei, di 7 e 8 anni, presenti durante la commissione di tali reati.

Nella mattinata di ieri, il Morgillo veniva individuato presso l’abitazione della compagna nel Rione Sanità di Napoli, al cui interno venivano ritrovati i capi di abbigliamento che il Morgillo indossava in occasione delle rapine.

Per tali fatti il Morgillo veniva associato presso la Casa Circondariale di Santa Maria C.V. in attesa del giudizio di convalida. La donna è stata deferita in stato di libertà per i medesimi reati.

Pubblicità

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie