www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Caserta, l’infermiere aggredito al pronto soccorso è in prognosi riservata. La solidarietà di Zinzi

"Il modello sanità senza sicurezza non può funzionare"

«Solidarietà per l’infermiere dell’ospedale di Caserta attualmente in prognosi riservata perché vittima di una brutale aggressione durante l’orario di lavoro. Purtroppo non è la prima volta che il personale del San Sebastiano è vittima di questi atti criminali. Sono diverse le denunce e gli esposti sul tema della sicurezza sia da parte del sindacato che dell’ordine dei medici e quello degli infermieri, ma sono finite nel nulla. La cosa più grave è che l’episodio questa volta sarebbe avvenuto davanti alla tenda del triage ai danni di un operatore sanitario impegnato nell’emergenza Covid. Il ‘modello sanità’ senza sicurezza non può funzionare…». A dichiararlo il consigliere regionale della Lega Gianpiero Zinzi.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie