www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Casapulla, pubblicato il bando per i Buoni spesa per il sostegno alimentare alle famiglie in difficoltà

Pubblicato il bando del Comune di Casapulla per i Buoni spesa per il sostegno alimentare alle famiglie in difficoltà in seguito all’emergenza epidemiologica da Covid-19. I dipendenti dell’ufficio Servizi sociali, con in prima linea l’assessore al ramo Marialaura Buro, nelle ultime settimane hanno lavorato per ultimare l’iter burocratico e attivare tutte le procedure di partecipazione.

La domanda per la richiesta degli aiuti alimentari dovrà essere presentata esclusivamente per via telematica entro il 13 dicembre 2021 collegandosi al sito web del Comune di Casapulla (www.comune.casapulla.ce.it) da cui si potrà accedere alla piattaforma predisposta per la presente istanza. Potranno accedere ai Buoni spesa i cittadini residenti a Casapulla che si trovano in condizione di grave disagio economico.

Successivamente sarà compilata una graduatoria secondo i seguenti criteri: composizione del nucleo familiare (presenza nati nel 2021, minori, disabilità accertata ai sensi della legge 104/92, ultrasessantacinquenni, genitore solo senza altri componenti adulti nel nucleo familiare); situazione economica del nucleo familiare; situazione lavorativa dei singoli componenti maggiorenni del nucleo familiare ad esclusione degli studenti; abitazione. Verrà data priorità ai richiedenti non assegnatari di altro sostegno pubblico, quale il Reddito di cittadinanza, Pensione di cittadinanza, Reddito di emergenza, Naspi, Cig ed altro. Ogni nucleo familiare potrà presentare una sola istanza, a pena di esclusione.

Il beneficio verrà erogato una tantum ed avrà un valore pari a: 100 euro in caso di famiglia monogenitoriale; 100 euro per il primo membro; ulteriori 80 euro per ogni altro componente aggiuntivo. Il contributo erogato potrà essere speso solo per l’acquisto di alimenti, con l’esclusione di bibite, alcolici e prodotti di alta gastronomia, tabacchi, ricariche telefoniche, giochi, lotterie e prodotti in genere non rientranti nei beni di prima necessità. L’amministrazione comunale, diretta dal sindaco Renzo Lillo, disporrà controlli a campione sulle domande presentate dal richiedente; in caso di false dichiarazioni procederà alla denuncia alle autorità preposte e al recupero del beneficio indebitamente percepito. I buoni spesa consentiranno l’acquisto di generi alimentari presso gli esercizi commerciali inseriti nell’elenco che verrà pubblicato prossimamente sul sito del comune.