www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

Casagiove ricorda le vittime del covid con un minuto di silenzio cittadino

A dirci che è l’ora di fermarsi a meditare e per chi vuole, di pregare, rivolgendo il pensiero alle vittime del covid di questo ultimo anno che rimarrà nella storia per le future generazioni, saranno le campane delle chiese di Casagiove. A mezzogiorno di oggi 18 marzo, in occasione della “Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da coronavirus”, da tutti i campanili piccoli e grandi della città è riecheggiato il rintocco triste dei battacchi sulle pareti bronzee in modo che il suono possa essere ascoltato nelle case, nei campi, nelle officine, nelle strade e nelle piazze.

Il sindaco, la giunta con tutto il Consiglio comunale insieme ai dipendenti dell’amministrazione pubblica cittadina, alle 12:00, si sono radunati nel cortile del Municipio e sull’antistante via Iovara per commemorare i nostri 10 concittadini che non ce l’anno fatta nella strenua lotta contro il virus. Nelle case e sui luoghi di lavoro, silenziando per un minuto il televisore o deponendo gli strumenti dei propri affari, ognuno sarà invitato a rivolgere il pensiero alle migliaia di nostri connazionali che non sono più tra noi, che ci hanno lasciato avendo negli ultimi momenti della loro vita il solo conforto di eroici medici e infermieri che fino alla fine hanno tentato di salvarli. Anche in tutte le scuole pubbliche e private del comune, a quell’ora, la DAD diventerà un luogo virtuale di raccoglimento. I docenti inviteranno gli studenti ad alzarsi, a chiamare vicino a loro i familiari presenti in casa e raccogliersi in un minuto di silenzio per stringersi ed abbracciare virtualmente i tanti familiari delle vittime del coronavirus che, increduli, vivono ancora nel dolore.

Il Presidente Mattarella, ieri, in occasione del 160° anniversario dell’Unità d’Italia, ci ha ricordato come le generazioni che ci hanno preceduto hanno saputo superare insieme momenti altrettanto difficili come quelli di oggi. L’Italia, colpita duramente dall’emergenza sanitaria, sta dimostrato ancora una volta spirito di democrazia, di unità e di coesione. Lo dimostra la legge istitutiva della “Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da coronavirus” approvata i giorni scorsi all’unanimità dal Parlamento italiano.

Il memoriale vissuto oggi in centinaia di comuni del Paese, è un momento di lutto collettivo importante da celebrare tutti insieme perché, purtroppo, in quei momenti drammatici in ospedale tanti nostri fratelli e sorelle non hanno nemmeno avuto la possibilità di salutare degnamente i loro cari.

Per Casagiove è un dovere celebrare questa giornata nella quale l’intera città intende rivolgere un deferente pensiero e omaggio a chi ci ha lasciato, nella consapevolezza di appartenere ad una comunità capace di risollevarsi dalle avversità.

Pubblicità

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie