www.gazzettadicaserta.it
Liberi da vincoli

BASKET Serie B. Virtus Pozzuoli – Sebastiani Rieti. Il Dado, la scalata, l’alibi e la valanga

Il Dado, la scalata, l’alibi e la valanga. Ecco la sintesi sull’incontro di Serie B, girone D1, del campionato maschile di basket tra la Virtus Bava Pozzuoli e la Real Sebastiani Rieti disputatosi sabato 23 gennaio.

Il Dado: un grande giocatore dei suoi tempi (anni ’60), ancorché ap­prezzato allenatore ed iperbolica figura del Basket italiano. Gianfran­co Lombardi – per tutti Dado – celebrato anche nel meritato minuto di silenzio, osservato prima di iniziare la partita.

Il ricordo prosegue nelle parole del D.S. Real Sebastiani Rieti, Domenico Zampolini, rispondendo alla mia domanda sul suo esordio: “Il 23 febbraio 1975. A Rieti allenava appunto Dado, che proprio ieri (22/01/21) è venuto a mancare. Giocavamo contro la allora FAG Napoli, allo storico palazzetto Mario Argento. Fui messo in campo per sostituire un “certo” Masini, bloccato in panchina a causa di una complicata allac­ciata di scarpe… Io giocai bene e, da lì in poi, il mio fu un crescendo agonistico.”

La scalata: l’impresa che, Roberto Pietropaoli, patron di Rieti, intende portare a termine. Ossia: riportare la città nel gotha del basket tricolore. Non certo una scalata ostile, tipica di una finanza spregiudi­cata; più una arrampicata alimentata dal fuoco di una genuina passione per la palla a spicchi, ancorché dall’impiego di tutte le risorse – senza lesinare affatto – necessarie per raggiungere l’obiettivo. Su questo punto, in particolare, è stato chiarissimo: “Risorse dirette, personali. Ma anche risorse esterne, partecipazioni dal di fuori del territorio. Non posso certo pretendere che sia la città a sostenere le mie ambizioni…”. Scalata che avrà, come quartier generale, un PalaSojourner appena riconquistato, “Grazie anche alla colla­borazione attiva di Calise (NPC Rieti-Legadue), abbiamo messo da parte ogni rivalità nel reciproco interesse…”

L’alibi: recisamente rifiutato dal coach Virtus Pozzuoli, Mariano Gentile, che non accetta l’organico ridotto come scusa da accampare alla imbarcata di punti subita dalla Sebastiani. Con estrema pacatezza, onestà e distacco, ha poi aggiunto: “Abbiamo di che riflettere e lavorare in settimana. Troppo molli in difesa e incapaci di rallentare il loro ritmo. In area li abbiamo fatti spadroneggiare, subendo sistemati­camente..”

Dello stesso avviso, il capitano della Bava Pozzuoli, Nicola Savoldelli, che ha voluto sottolineare come – “Il silenzio mantenuto nello spogliatoio fosse il primo e maturo passo, verso un’onesta autocritica sulle ultime tre, rivedibili, gare disputate.” L’inserimento a regime del neo acquisto Forte, ed il recupero del regista titolare (Savoldelli), saranno senz’altro fondamentali per costruire attacchi più proficui e con meno improvvi­sazione. Occorrerà, poi, concentrarsi sulle soluzioni difensive nel pitturato in cui, la tenuta delle spaziature, va rinsaldata.

La valanga: la caterva di punti, tiri e percentuali subite. D’accordo, Rieti è la capolista, è il miglior attacco del girone D1. Ma se concedi alla rivale un numero doppio di tiri da 2, il 53% di efficacia dall’arco e, soprattutto, ben 50 punti in area (69%), c’è la vaga possibilità che la difesa abbia latitato, per così dire.

C’è, tuttavia, un bicchiere mezzo pieno: innanzitutto, il gap di punti, non è affatto nell’ordine dei 41 subiti a cavallo degli ultimi due quarti. Inoltre, con una formazione rimaneggiata – priva di Savoldelli e di Gaye fuori per infortunio – nell’ultima frazione di gioco, complice anche un rallentamento del ritmo dei sabini, i ragazzi di coach Gentile hanno chiuso l’ultimo periodo col punteggio di 24-12, un parziale di 10 a zero e 20 punti da palle recuperate, contro i 14 della squadra allenata da coach Alex Righetti. Insomma, uno scatto di orgoglio si è palesato. C’è speranza!

Se domenica prossima, con due americani in organico, dovesse per assurdo sfidare un’avversaria in Legadue, sarebbe pronta per giocarse­la alla pari?

Risposta di Zampolini: “Sì, Rieti è pronta. Rientra già nei nostri programmi!

Le interviste di Carmine Covino nel post gara Bava Virtus Pozzuoli – Real Sebastiani Rieti

Domenico Zampolini

Roberto Pietropaoli

Mariano Gentile

Nicola Savoldelli

Andrea Traini

Il tabellino

VIRTUS BAVA POZZUOLI-REAL SEBASTIANI RIETI 62-87

VIRTUS BAVA POZZUOLI: Balic 8, Mehmedoviq 4, Kushckev 2, Savoldelli ne, Lurini 11, Mavric 23, Caresta 3, Testa ne, Birra 6, Bordi 2, Forte 3, Spinelli ne. All. Gentile

REAL SEBASTIANI RIETI: Toffoli, Ndoja 12, Loschi 13, Diomede 8, Drigo 10, Traini 5, Cena 5, Provenzani 9, Di Pizzo 11, Kader, Paci 14, Sornoza. All. Righetti

ARBITRI: Lillo di Brindisi e Schena di Castellana Grotte

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

Cookie